9

Il mio mondo in un planner: Filofax Saffiano è come organizzo l’agenda.

  

Ecco qui la mia Filofax Springboard in formato personal. Acquistata su amazon circa a dicembre, pagata sulle 35€, è diventata la mia inseparabile amica da qualche settimana. Il modello è “Saffiano” che adoro perché non in pelle e soprattutto molto resistente. In questo caso il colore è raspberry fuori e verde fluo per gli interni e la chiusura

   

Ma come organizzo la mia agenda? Allora la prima sezione è la settimana su due pagine della filofax, molto ampia e con sufficiente spazio anche per i week end, che io ho ampliato aggiungendo i miei weekly goals 

   

 

La seconda sezione è una monthly wiew creata da me in verticale e assolutamente comoda per avere una visione d’insieme delle date importanti del mese

  

La terza sezione è quella giornaliera, con un giorno per pagina dove in genere faccio il “bullet journal” per quella determinata giornata ovvero la lista delle cose da fare. Questi refill sono della Thun

  

La quarta sezione riguarda l’università con tutte le informazioni utili: programma dell’esame che sto preparando, domande fatte dai prof nei vari appelli, programma di studio. Ci sono poi tutti i voti conseguiti agli esami dati e gli obiettivi che mi sono prefissata per l’anno accademico. Molte filofax poi hanno in dotazione un’utilissima tabella in cui segnare gli orari dei corsi

   

       

La quinta sezione invece riguarda la motivazione ed è ricca di elenchi di affermazioni positive, brani e citazioni che mi aiutano nelle giornate no o che leggo mentre sono nelle sale d’attesa o nelle pause studio in biblioteca.

La sesta sezione riguarda invece le liste: sono malata praticamente di elenchi e liste e qui si trovano i nomi dei film che vorrei vedere, le cose da portarmi dietro quando esco, l’ongoing list ovvero la lista delle cose che vorrei fare e molto altro ancora

   

 

Adoro avere nelle mia agenda biglietti, cartoline, carte di cioccolatini che mi ricordano momenti importanti e poi anche un secondo portapenna attaccato ad un foglio di acetato decorato con adesivi

   

 

La settima sezione è molto piccola e riguarda il mio blog ma solo le idee per i vari post che mi possono venire mentre viaggio o sono in giro. Una sezione più grande è invece nella mia agenda A5 di cui vi parlerò prossimamente.

L’ottava sezione anche è molto piccola e riguarda i libri: qui si può trovare la lista dei libri che ho letto durante l’anno e quelli che vorrei comprare. Di nuovo una sezione più grande sui libri è nel mio planner A5.

Infine ho la rubrica con tutti gli indirizzi e i numeri più importanti che devo avere sempre con me, qualora il mio telefonino desse forfait

   

   

Alla fine ho le foto dei mie animali, due cartoline con i dipinti di Frida Kahlo e una bustina porta carte di credito sempre della filofax. Il modello Saffiano si presenta poi con un’ampia tasca laterale e tre slot porta biglietti da visita sulla destra e un tascone aperto sopra e sotto alla fine in cui si trova un comodo note pad con i fogli forati che io però ho tolto.

   

 

Insomma io la adoro e, per quanto riguarda il set up, ho trovato la mia “planner peace”. Domani il postino mi porterà un altro gioiellino da aggiungere alla mia collezione quindi…stay tuned e a presto!!!

Annunci
5

Recensione del libro “Miss Marple nei Caraibi” di Agatha Christie

Grazie alla bontà del caro nipote Raymond, Miss Marple si trova a soggiornare in uno splendido villaggio dei Caraibi. In questo delizioso paradiso tropicale, il maggiore Palgrave la intrattiene con i racconti di tutte le sue avventure inventate o meno. Durante una di queste lunghissime e noiose chiacchierate, il vecchietto tira fuori la storia di un delitto e afferma di avere la foto dell’assassino nel portafoglio e, proprio mentre sta per mostrarla a Miss Marple, qualcosa alle spalle della vecchietta lo spaventa, diventa cianotico e cambia repentinamente discorso: quella stessa notte il vecchio maggiore viene trovato morto. La signorina Marple non accetta la teoria della morte naturale e inizia quindi una personalissima indagine che la porterà a scoprire la più sconvolgente delle verità.

Questo romanzo di Agatha Christie, oltre a tenermi con il fiato sospeso fino all’ultima pagina, mi ha fatto davvero riflettere su quanto poco sappiamo delle persone che pensiamo di conoscere. Gli altri si presentano in base a quello che dicono, a come si vestono e comportano, ma chi sono veramente? Capita infatti talvolta, e purtroppo a me è successo recentemente, che ci costruiamo un’opinione su una certa persona che si rivela poi totalmente sbagliata, lasciandoci profondamente delusi. 

Però sarebbe stato facile vestirsi in modo appropriato e fare discorsi adeguati al ruolo che si erano scelti…

Non dubitava in realtà chi fossero i Prescott, eppure, le tornava in mente sempre lo stesso pensiero: si è inclini a credere a ciò che la gente dice di sè.

Adoro il personaggio di Miss Marple, questa vecchietta astuta che riesce sempre a vincere su chi invece vuole prendersi gioco di lei, adoro il suo modo di condurre le indagini e la sua spiccatissima intelligenza. I romanzi di Agatha Christie sono dei capolavori perché oltre a intrattenere fanno anche riflettere e, se vi piace il genere, ve li consiglio caldamente. A presto!

Quando si è vicini a perderla, la Vita diventa molto più interessante, molto più degna di essere vissuta. Forse non è giusto, ma avviene sempre così. Soltanto quando si è giovani, forti e sani non si dà importanza alla Vita. Sono i giovani che si uccidono facilmente, per una delusione amorosa, per angoscia esistenziale, per paura di vivere. I vecchi invece conoscono il valore dell’esistenza, ne sanno il valore inestimabile e vi si aggrappano.

0

MAC cipria PREP+PRIME

Un prodotto senza il quale non posso proprio stare è la cipria. Ho scoperto questo tesoro grazie ai video della mitica “SOS ESTETISTA” che ricordo con infinito affetto, e non l’ho proprio più lasciato. Grazie alla cipria anche il make up  più elaborato resiste al caldo di questi giorni e per me questo è essenziale perché odio l’effetto “trucco che cola”. Recentemente ho appreso che per ottenere un risultato ottimale la si deve picchiettare con il pennello più e più volte, così si va a fissare il make up, cioè diciamo che l’ho visto fare su un video di una ragazza che usava strati e strati di “pro longwear concealer” per nascondere l’acne. Ho usato fino a qualche tempo fa la cipria “Rilastil” che ho abbandonato perché durava troppo poco, si rompeva, e poi volevo provare qualcosa di più leggero e fissante, così mi sono imbattuta in questo fantastico gioiellino: la cipria “PREP+PRIME” di MAC. Il prodotto è incolore, impalpabile, ma assolutamente efficace nell’effetto ottico di mascherare le imperfezioni. Esiste sia in versione “libera” che compatta, quella che ho preso, comodissima da portare sempre con sè, ed il prezzo è di 25€. Fissa il trucco in maniera impeccabile, tanto che ieri, nonostante sia stata tutto il giorno fuori casa e il caldo, non ho avuto bisogno di ritocchi. Insomma ragazze appena trovo qualche prodotto che mi entusiasma soprattutto per nascondere cicatrici e acne io ve lo faccio presente! A presto!!!

   

     

5

Letture interrotte

Circa agli inizi di Giugno, ho comprato, tutta contenta, il nuovo libro di Alice Basso “l’imprevedibile piano della scrittrice senza nome”. Non vedevo davvero l’ora di leggerlo, una storia che parlava di libri, scrittori, di come nascono i romanzi ebbene…non sono riuscita a terminare la lettura per ora. Davvero non so dirvi perché non mi ha presa e l’ho lasciato lì a metà. Si perché stavo cadendo di nuovo nel tranello “se non finisci questo libro non puoi iniziarne un altro” ed è assolutamente sbagliato. I libri ci devono far star bene, ci devono far sognare, entrare completamente in un racconto, in una trama. Dobbiamo essere totalmente presi quando leggiamo un romanzo. Il libro di Alice Basso non è scritto male, è divertente, forse il personaggio principale agli inizi è un po’ troppo dissacrante e non mi ci sono ritrovata. Forse mi aspettavo una storia tutta diversa e poi l’amore tra i due protagonisti del libro è qualcosa che in questo momento non ho voglia di leggere. E così basta l’ho messo da parte. Stamattina ho iniziato invece “Miss Marple nei Caraibi” e lo sto divorando! Mi stavo togliendo il piacere della lettura solo per lo stupido senso di colpa di non finire un libro: assurdo! Così come quando un film ci annoia cambiamo canale, anche quando un libro non ci prende dobbiamo lasciarlo perdere. Sono sempre convinta poi del fatto che ci sia un nostro periodo per ogni libro, a volte non è proprio il momento per certi racconti che poi invece, quando riprendiamo al momento opportuno, sono in grado di darci grandissime emozioni. E a voi è mai capitato di non riuscire proprio a proseguire nella lettura di un libro? A presto!!!

0

Bracciali Dodo Pomellato con cordino

Eccomi qui, ciao a tutti! Insomma era da qualche giorno che guardavo con rammarico tutti quei granellini in argento martellato che avevo tolto dalla mia collana che mi sembrava, come dire, poco portabile. La bella cifra di 29 granelli chiusi dentro una scatoletta: cosa ci avrei potuto fare? La pagina Instagram “dodopomellatolove” mi ha dato una grandissima idea, a cui non avevo proprio pensato: il bracciale con il cordino! 

  

Come vedete io ho preso il cordino rosa con il logo in argento che viene 15€ e poi invece quello azzurro ha il logo in plastica rossa e viene 10€. Io ci ho inserito i granelli e il risultato è assolutamente easy ed elegante, ma ci si possono aggiungere i ciondoli in oro e smaltati, le rondelle o le pepite più grandi, creando il vostro bracciale come più vi piace. 

Davvero se come me non ci avevate pensato e siete patite dei braccialetti, questa è una soluzione ottima soprattutto per questa stagione. Un pacchetto da 10 granelli viene 30€ e  già basta per fare un bracciale carino carino in cui potete scegliere anche la disposizione dei nodi. Il cordino con argento c’è rosso, rosa, celeste, bianco, nero, quello con il logo in plastica rossa c’è arancione, azzurro, verde e mi sembra anche rosso. A presto!

2

Lavoretti per le mie Filofax Finsbury e Filofax Malden

Ieri ho deciso di rinnovare il corredo delle mie amate e inseparabili Filofax. Sono andata in un negozietto carinissimo che ho la fortuna di avere dietro casa mia, pieno zeppo di carta scrap, washi tape e compagnia bella, ed ho trovato un blocco di 36 fogli della Dovecraft che faceva proprio al caso mio. Volevo infatti qualcosa di minimal e chic, elegante, senza fronzoli vari. Eccolo qui:

  

Di sera, tutta contenta, mi sono messa al lavoro con forbici e foratrice ed ecco il risultato, di cui sono molto soddisfatta, sulla mia Finsbury in electric blue:

   

         

Invece ecco i nuovi divisori della mia Malden pocket che attualmente uso come portafogli, adoro quelli sul beige che le si intonano benissimo:

   

         

Sono davvero davvero contenta del risultato finale. Il sito Filofax Italia poi, dopo mesi, è di nuovo attivo super aggiornato e con gli stessi modelli del sito Inglese quindi, per chi fosse interessato, si può fare shopping online! 

Si adoro i miei planner non solo mi tengono organizzata ma sono anche una mia copertina di Linus, c’è dentro un po’ del mio mondo che mi porto dietro ovunque. Questi nelle foto sono in pelle ma ce ne sono svariati modelli, anche in plastica o tessuto che adoro, il massimo sarebbe questo design ma non in pelle. A presto!