Dimmi che credi al destino di Luca Bianchini

Uno degli ultimi libri che ho letto è “dimmi che credi al destino” di Luca Bianchini.

Ornella, scappata a Londra da un passato estremamente doloroso, gestisce una piccola libreria Italiana insieme a Clara, gelida all’apparenza ma in realtà terribilmente sola. Quando Mr Spacey, il proprietario del negozio, le comunica di voler chiudere la libreria, Ornella si sente persa e decide di seguire i consigli dell’inimitabile amica Patty e assume come ragioniere il bellissimo Diego, napoletano e alla scoperta della sua sessualità,  che lavora come barbiere al negozio di fronte. Proprio quando le cose sembrano andar meglio, grazie anche alla più approfondita conoscenza con il vicino di casa Bernard, il passato richiama Ornella e la costringe a tornare a Verona, che aveva lasciato dopo essere sopravvissuta all’eroina. 

Devo dire che ho trovato questo libro da subito piacevole ma non entusiasmante: la storia infatti scorreva troppo tranquilla senza nessun picco che mi faceva provare forti emozioni o che dava una “spinta” alla trama. Fortunatamente, non mi sono lasciata ingannare dalle apparenze ed ho proseguito nella lettura anche perché in fondo ci credevo in questo romanzo ambientato nella mia amata Londra e, proprio nelle ultime cento o poco meno pagine, sono arrivati tutti i turbinii emozionali che tanto desideravo. Ornella e Patty infatti si mettono in viaggio per andar a dare l’ultimo saluto ad Axel, marito di Ornella, che sta morendo in una clinica perché non ha mai voluto abbandonare il vizio della droga. Vedere queste due donne tornare vittoriose nei luoghi del loro incubo mi ha commosso enormemente ed ho letteralmente pianto quando Ornella va a trovare di sorpresa i suoi genitori e il padre è così contento che gli cadono le buste della spesa che aveva in mano. È un romanzo che racconta l’amicizia ma anche la solitudine, come quella di Carmine che sta scoprendo la sua omosessualità e non sa con chi confrontarsi o quella di Clara che per darsi importanza finge di avere un gatto immaginario. Ho riflettuto molto grazie a questo libro su quanto siano complicati i sentimenti umani e su come certi atteggiamenti possano rivelare tutt’altro da quello che sembrano. Consigliatissimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...