7

Filofax Malden Fuchsia

Parliamo oggi della mia nuova agenda universitaria, si parliamone! Non so se la cosa vi giunge nuova ma sono usciti due nuovi colori della Filofax Malden ovvero il Kingfisher blue e il fuchsia. Per ora sono disponibili solo in formato personal e A5 ma sembra che da gennaio saranno presenti anche in formato pocket! Che dire, io non avevo una malden dimensione personal e così non ho resistito al modello fuchsia. Avevo paura che la tonalità sarebbe stata troppo accesa, che magari poteva stancare con il tempo, invece è una nuance perfetta di rosa, color orchidea diciamo, né troppo accesa né troppo spenta: stupenda!


La Malden è un’agenda molto robusta e ciò che adoro di questo modello è lo strap lunghissimo che permette di incicciottirla per bene!!! Ci sono foto di Malden utilizzate per anni con il fascino acquisito dal tempo e devo dire che sono molto affascinanti. La struttura interna naturalmente rimane quella classica che hanno quelle in color ocra e purple. 


Parlo di agenda universitaria anche se dovrei dire agenda studio, infatti in essa tengo tutte le informazioni relative a ogni cosa che studio quindi non solo materie universitarie ma anche il mio Bible study quotidiano. Per il set up completo vi aggiornerò non appena lo avrò completato.

Ora vi metto un’altra fotuccia per farvi innamorare ancora di più!!! A presto!!!

Annunci
4

Recensione di “Morte a Pemberley” di P.D. James

Carissimi, nel corso di quest’estate ho sviluppato, anzi ho solidificato la mia passione per il capolavoro di Jane Austen “orgoglio e pregiudizio”. Ho letto di nuovo il libro amandolo ancora più profondamente e mi sono vista centinaia di volte il film del 2005 con Keira Knightely e il bellissimo e altissimo Mr Darcy dagli occhi blu che sogno,o vorrei sognare, tutte le notti. 

Così, presa da questa oserei dire follia austeniana, non mi sono lasciata sfuggire l’occasione di comprare “morte a Pemberley” di P.D. James quando me lo sono ritrovato tra le mani. Finito il libro originale volevo infatti ancora la compagnia di Darcy ed Elizabeth e speravo di ritrovare quelle ore piacevoli con questo “sequel” nato dalla mente di una delle più famose signore del brivido.

In una notte ventosa di inizio autunno, alla vigilia del ballo di Lady Anne, la quiete di Pemberley viene lacerata da un terribile delitto e dalle urla di una disperata Kitty in preda al terrore e a una crisi isterica. Wickam e il capitano Denny sono scappati nel bosco, si sono sentiti due spari e nulla più…la spedizione di soccorso fa una scoperta sconcertante: il giovane e bellissimo Wickam imbrattato di sangue, ubriaco, che abbraccia disperatamente il corpo inerme del suo piu caro amico mentre dichiara a squarciagola di averlo ucciso lui…Per Darcy ed Elizabeth è tempo di grandi riflessioni e dure prove: sarà stato proprio l’inguaribile Wickam a uccidere il povero capitano Denny?

Che dire mi sono ritrovata immersa in atmosfere lugubri, totalmente diverse da quelle auliche del romanzo originale. Elizabeth e Darcy sono cresciuti, hanno dei figli e sono più disincantati. Ci sono riflessioni più adulte diciamo e l’Inghilterra è nel bel mezzo della guerra contro Napoleone Bonaparte. La tranquillità dell’ amata Pemberley si mescola a storie sordide e a tragedie umane, i sentimenti ci sono ma più tristi e disperati. Mi ha messo una profonda tristezza soprattutto la storia della povera Louisa Bidwell che non vi sto qui a raccontare. È un romanzo dai toni noir che potrebbe farvi perdere quel senso di freschezza e serenità che davano i personaggi nel romanzo originale. All’epilogo invece sembra di nuovo essere nell’atmosfera Austeniana, Darcy ed Elizabeth sono seduti su una panchina a ricordare il passato e c’è una bellissima sorpresa. È un libro crudo, forte, ma bello, da leggere se si amano i personaggi del romanzo della Austen e si ha la curiosità di vederli in azione nel bel mezzo di atmosfere e vicende del tutto diverse. A presto!!!

1

Filofax pocket Classic croc 

Carissimi lettori eccomi qui sono tornata!!! Dopo la mia lunga assenza causa esami (ho studiato tutta l’estate per un esame che ho dato il primo settembre!), oggi vi propongo un post ricco di foto della mia nuova agenda pocket, regalo di compleanno super in anticipo, la Filofax Classic croc in colore indigo. Eccola qui in tutto il suo splendore  mentre ieri era in macchina con me…


Questa agenda non è in pelle di coccodrillo l’effetto croc è solo una stampa e risulta molto morbida al tatto e, a mio avviso, è anche molto resistente ai graffi. Esiste in tre colori: faun, un beige bello pieno, chestnut ovvero un caldissimo marrone e infine indigo che è quello che vedete in foto. Ci sono poi ben quattro formati: pocket, personal, personal compact e A5. La novità è che tutti i modelli che vi ho elencato hanno una comodissima tasca portafoglio, la famosa “backpocket”, che caratterizza le agende Gillio e Van Der Spek. Io ne sono innamorata e la porto sempre con me perché è il mio planner “on the go” da borsetta diciamo,dove ho tutto ciò di cui ho bisogno e può essere comodamente usata anche come portafogli perché ha anche una pratica tasca zip per le monete e molte tasche porta tessere. Vi faccio vedere qualche foto: 

  

Devo dire che gli anelli sono molto più spessi, molto più grandi di quelli che ho visto in qualsiasi altra pocket della marca pur rimanendo di 19 mm. Mi piace molto anche il fatto che il pen loop, il porta penne, sia elasticizzato e sono riuscita a farci entrare anche un porta mine bello cicciottello!!!