1

La mia adorabile Filofax pocket Malden in fuchsia

Il mio compleanno si avvicina e così ho deciso di regalarmi una splendida Malden pocket che desideravo da tempo. Per quanto mi piacciano i planner in formato personal, sono le pocket la mia passione perché riesco a portarmele sempre dietro e a farle diventare davvero delle mie compagne di Vita.


Ho quindi deciso di usare questa nuova piccolina non solo come portafogli (ha una capiente tasca portafogli e una taschina zip per le monete) ma anche come agenda di tutti i giorni. Devo dire che sono molto soddisfatta del tema dei vari divisori, ho trovato questo set di carta scrap firmato “doodlebug” ricco di castelli incantati, unicorni, arcobaleni… cioè era proprio per la mia agenda.


Allora in questa piccola delizia c’è davvero tutto quello che mi serve. Innanzitutto adoro il calendario annuale dove spunto il passare dei mesi con dei piccoli pezzetti di washi tape. Dopodiché la prima sezione è “notes” ovvero fogli dove appunto le cose più disparate e che magari dopo vado a catalogare nell’a-z index. Trovo utilissima questa sezione dove alle volte annoto anche i to do del giorno è devo dire che è forse quella che uso di più quotidianamente. Segue poi la settimana su due pagine e quindi il mese su due pagine, che è bello e pronto per il 2018 ed è una novità per me perché non ho mai usato questo tipo di refill per una pocket. In questa sezione ho anche un calendario annuale 2018 fold out altra new entry del planner. La quarta sezione è il famoso a-z index dove ci sono le liste e ogni sorta di informazione possibile e immaginabile comodamente catalogata in ordine alfabetico. La quinta sezione è ricca di fogli a tema “Tokidoki”, altra mia fissa, che ho staccato da un diario che avevo alle superiori, forato e inserito in agenda. La sesta sezione è un top open envelope in cui metto biglietti da visita e carte fedeltà: comodissimo!!! Infine, grazie ad un gruppo su Facebook, ho avuto la geniale idea di mettere un quadernino per TN pocket nella tasca posteriore della Malden. Lo uso per segnare quei momenti irripetibili che si verificano durante la giornata e anche per appuntare cosa mangio, tutte informazioni preziose che quindi non vanno a finire su fogli volanti ma in questo libretto che poi vado a conservare. Sono sempre convinta del fatto che la Filofax sia ottima per organizzare, imbattibile direi, anche perché i refill costano poco se si vuole provare un nuovo layout o addirittura si possono trovare gratis in internet, mentre il TN lo adoro per il memory keeping, per scrivere, per documentare la Vita. Io li uso entrambe e sono veramente soddisfatta di ognuno di loro.


Infine voglio dirvi che ho imparato a vivere le cose. Mi sono accorta che spesso per paura di rovinare le agende non le usavo e non andavo a sfruttarne la massima potenzialità. Sono contenta di aver scoperto che non c’è niente di più bello di un bel planner vissuto e che ogni macchia o graffio è un segno indelebile che racconta anche esso la tua storia.

Annunci
1

Filofax pocket Classic croc 

Carissimi lettori eccomi qui sono tornata!!! Dopo la mia lunga assenza causa esami (ho studiato tutta l’estate per un esame che ho dato il primo settembre!), oggi vi propongo un post ricco di foto della mia nuova agenda pocket, regalo di compleanno super in anticipo, la Filofax Classic croc in colore indigo. Eccola qui in tutto il suo splendore  mentre ieri era in macchina con me…


Questa agenda non è in pelle di coccodrillo l’effetto croc è solo una stampa e risulta molto morbida al tatto e, a mio avviso, è anche molto resistente ai graffi. Esiste in tre colori: faun, un beige bello pieno, chestnut ovvero un caldissimo marrone e infine indigo che è quello che vedete in foto. Ci sono poi ben quattro formati: pocket, personal, personal compact e A5. La novità è che tutti i modelli che vi ho elencato hanno una comodissima tasca portafoglio, la famosa “backpocket”, che caratterizza le agende Gillio e Van Der Spek. Io ne sono innamorata e la porto sempre con me perché è il mio planner “on the go” da borsetta diciamo,dove ho tutto ciò di cui ho bisogno e può essere comodamente usata anche come portafogli perché ha anche una pratica tasca zip per le monete e molte tasche porta tessere. Vi faccio vedere qualche foto: 

  

Devo dire che gli anelli sono molto più spessi, molto più grandi di quelli che ho visto in qualsiasi altra pocket della marca pur rimanendo di 19 mm. Mi piace molto anche il fatto che il pen loop, il porta penne, sia elasticizzato e sono riuscita a farci entrare anche un porta mine bello cicciottello!!!

5

Filofax e A-Z index tab

Carissimi, oggi torno a parlarvi di una delle mie più grandi passioni: filofax e organizzazione. Girovagando un po’ tra i vari siti e gruppi che parlano dell’argomento, ho scoperto un nuovo modo per utilizzare l’indice della rubrica,il cosiddetto A-Z index tab.

Insomma, non lo uso per annotare i vari numeri e indirizzi in ordine alfabetico ma per dare ordine alle note e ai vari argomenti del mio organizer. Ad esempio, mettiamo il caso che ho in progetto di farmi un nuovo bracciale Pandora: tutto ciò che riguarda questo tema andrà sotto la lettera P. Così come, un altro esempio, gli indirizzi delle varie palestre che voglio andare a vedere in vista di un’ iscrizione.


Io la trovo una cosa utilissima e ha rivoluzionato davvero il set up della mia agenda. 

Ho usato lo stesso metodo nella mia filofax pocket dedicata ai versi Biblici che voglio portarmi sempre dietro e imparare a memoria. Li ho catalogati in base ai temi e adesso è molto più facile reperirli al bisogno e aggiungerne di nuovi


Che dire sono assolutamente contenta di questa mia nuova scoperta ed ho voluto condividerla con voi!!!

0

Filofax e planning per il 2016 parte 1: Filofax Finsbury pocket

Eccomi qui carissimi lettori con un post pieno di fotografie “cartopazzose”o dovrei forse dire “Filofaxose”!

Il 2016 è alle porte e proprio stamattina sono andata al centro commerciale per fare incetta di calendari Filofax per le mie adorate agende. In realtà ne ho presi solo due: un day per page pocket e uno settimana su due pagine in dimensioni A5. Quest’anno voglio assolutamente propormi di rimanere stabile con il sistema di planning usato e variare l’agenda tra le tante che ho, anche perché le ricariche Filofax costicchiano un po’ e ci tengo a farne il miglior uso possibile. Se poi voi siete interessati e siete attrezzati in termini di stampanti e bravura nel variare la stampa per i diversi modelli, allora vi consiglio il blog “phylofaxy”, che peraltro domani pubblicherà anche una mia piccola intervista, che ha un sacco di refill gratuiti e pronti all’uso.

Ho deciso che il mio planner on the go sarà una Filofax pocket, in questo momento sto usando la mia Finsbury raspberry che, nonostante abbia la pecca di essere in pelle, mi piace per la sua tasca superiore che può essere benissimo usata anche per custodire le banconote qualora la si voglia usare come portafogli. Nella pocket ho creato le seguenti sezioni:

– Daily: con il calendario day per page che accoglie la lista delle cose da fare per quel giorno ( cose da comprare, spedire, pagare, cose che devono arrivare, cose da studiare, ecc…). Per ora ho inserito sei mesi, fino a tutto Giugno, così da non occupare troppo spazio.

  
-Monthly: per questa sezione volevo usare i refill specifici Filofax che però non ho trovato, così me la andrò a creare da sola su dei fogli speciali Filofax a quadretti. Farò praticamente una mese su due pagine, che mi piace moltissimo come formato perché mi permette di vedere a colpo d’occhio gli impegni vari.

  
-Rubrica: dove andrò a segnarmi tutti i numeri che voglio avere sempre con me e che potrebbero servirmi qualora il cellulare si scaricasse.

  
-Notes: fogli sparsi che possono servire per raccogliere appunti, informazioni o integrare le liste giornaliere.

   
 
Infine nella tasca superiore ho inserito altri fogli e pucciosissimi sticky notes a forma di castoro. Ho applicato alcuni charms sia nella tasca zip interna che al primo anello (un’ala d’angelo e un ciondolo bartolucci con un cuoricino Thun), ecco a voi le foto: